venerdì 22 maggio 2009

CIRCOLARI PER ESAMI TERZA MEDIA EMANATE IL 20 MAGGIO N. 51

CIAO A TUTTI ECCO LE CIRCOLARI PER ESAMI TERZA MEDIA USCITE IL 20 MAGGIO nota n. 51SONO 7 PAGINE IN BOCCA AL LUPO

QUI DA SCARICARE


Articoli delle C.M.di specifico rilievo per candidati con D.S.A.

C.M. n. 51 20 maggio 2009
OGGETTO: anno scolastico 2008/2009 – esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione.
PARTICOLARI CATEGORIE DI CANDIDATI
Si conferma quanto previsto dalla circolare ministeriale n. 32/2008* in merito allo
svolgimento degli esami per gli alunni con disabilità, con difficoltà specifiche di apprendimento, per
gli alunni in ospedale e per gli alunni di lingua nativa non italiana.

*Dalla Cm 32 / 2008: Scrutini ed esame di Stato a conclusione del primo ciclo di istruzione - Anno Scolastico 2007-08.
Disposizioni per particolari tipologie di alunni
a. Alunni con disturbo specifico di apprendimento (DSA)

Per quanto riguarda gli alunni con diagnosi specialistica di dislessia o di altri disturbi specifici di apprendimento che, comunque, dovranno sostenere tutte le prove scritte, si ricorda che essi hanno diritto all’impiego di strumenti compensativi, come indicato nella nota ministeriale prot. 26/A del 4 gennaio 2005 **, oltre all’assegnazione di maggior tempo a disposizione per lo svolgimento delle prove.
** Nota Ministeriale Prot.n.26/A 4° del 5 gennaio 2005
Oggetto :Iniziative relative alla Dislessia.
La circolare prot.4099/P4°, emanata da questa Direzione in data 5-10-2004, ha fornito indicazioni circa le iniziative da attuare relative alla dislessia.
A riguardo si ritiene di dover precisare che per l'utilizzazione dei provvedimenti dispensativi e compensativi possa essere sufficiente la diagnosi specialistica °di disturbo specifico di apprendimento (o dislessia) e che tali strumenti debbano essere applicati in tutte le fasi del percorso scolastico, compresi i momenti di valutazione finale.
° si vuole sottolineare sia pubblica che privata ( v. anche circolare USR Emilia Romagna 3/2/2009)

Nota ministeriale 4674 10-5-2007
In merito alle misure dispensative, questo ministero ha avuto modo di precisare anche recentemente che
in sede di esame di Stato non è possibile dispensare gli alunni dalle prove scritte di lingua straniera, ma
che, più opportunamente, è necessario compensare le oggettive difficoltà degli studenti mediante
assegnazione di tempi adeguati per l’espletamento delle prove e procedere in valutazioni più attente ai
contenuti che alla forma.
In particolare si richiama l’attenzione sul fatto che gli specifici disturbi di apprendimento rendono spesso
difficile lo svolgimento di prove scritte che non si effettuano nella lingua nativa. Le prove scritte di lingua
non italiana, ivi comprese ovviamente anche quelle di latino e di greco, determinano obiettive difficoltà
nei soggetti con disturbo specifico di apprendimento, e vanno attentamente considerate e valutate per la
loro particolare fattispecie con riferimento alle condizioni dei soggetti coinvolti.
In tutti i casi in cui le prove scritte interessino lingue diverse da quella materna e non si possano
dispensare gli studenti dalla loro effettuazione, gli insegnanti vorranno riservare maggiore considerazione
per le corrispondenti prove orali come misura compensativa dovuta.

Nessun commento: